Le chiamate raddoppiate su servizi come Whatsapp, Messenger e Skype

Il numero di chiamate da servizi di messaggistica come Whatsapp, Skype e Messenger, tra gli altri, è raddoppiato nella prima settimana di quarantena obbligatoria e preventiva in Argentina, ha indicato fonti aziendali.

Questo tipo di comunicazione sono identificati nel settore come Voice over IP (VoIP) e “praticamente raddoppiati rispetto alla settimana precedente”, secondo la società Movistar.

“Vediamo un forte aumento del traffico domestico: solo durante il primo lungo weekend in isolamento, rispetto a un fine settimana normale, il traffico è cresciuto di quasi il 25%”, ha aggiunto l’azienda.

Il consumo complessivo di messaggistica istantanea (WhatsApp, Skype, Messenger, Telegram, tra gli altri) è aumentato del 7% rispetto alla settimana precedente, ma ha raggiunto il 40% in più di quello verificato nella prima settimana di marzo, prima che venissero date misure per mitigare il contagio del coronavirus.

Allo stesso modo, il consumo di giochi (giochi in generale) è aumentato del 40% rispetto alle settimane normali rispetto alla scorsa settimana, sulla base dei dati della business unit Big Data di Movistar.

Ciò che non è stato modificato è la distribuzione del traffico rispetto alla scorsa settimana, quindi lo streaming (consumo di contenuti audiovisivi) rappresenta il 54%; Giochi (giochi) 12%; La messaggistica istantanea occupa il 16%; e web Browsing (navigazione generale) occupa 18%.

“Al di là di queste crescite e cambiamenti nelle abitudini, la nostra rete risponde perfettamente ed è pienamente adeguata a questa situazione temporanea di isolamento”, ha detto l’azienda.

Telecom, a sua volta, ha diffuso i dati sul traffico da venerdì scorso a mercoledì 25 marzo, rispetto all’ultima settimana di febbraio.

In questo caso, “le videochiamate e le conferenze stavano crescendo, come strumento per l’uso ricreativo e il legame con la famiglia e gli amici”.

In questo confronto l’uso di Whatsapp è aumentato del 144%; le chiamate vocali mobili (non oltre ip) sono aumentate del 34%; e la durata media della comunicazione vocale è aumentata del 92% per cliente.

L’utilizzo delle videoconferenze, nel frattempo, è aumentato del 430% e solo lo strumento zoom è cresciuto del 1.840%; seguita da Webex, che è salito del 120%, e da Skype, 100%.

L’utilizzo dello streaming ha raggiunto il picco domenica sera con una media del 43%: per piattaforma Flow è salito del 43%, Netflix 73% e Youtube 21%.

Per quanto riguarda i social network, nel loro complesso hanno avuto un aumento del 18%: in particolare l’uso di Instagram è cresciuto del 12%, Facebook 45% e Pinterest 50%, sempre sulla rete del gruppo Telecom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *